LIBRO DEI VISITATORI

Scrivi un nuovo post sul Guestbook

 
 
 
 
 
 
 
I campi contrassegnati con * sono obbligatori.
Il vostro indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
Per ragioni di sicurezza salveremo il vostro indirizzo IP 34.228.52.223.
Ci riserviamo il diritto di modificare, cancellare o non pubblicare messaggi se ritenuti non idonei alla politica del sito.
13 messaggi.
Aurora Aurora da Pavia pubblicato il 4 gennaio 2017 alle 3:08 pm:
Sono stata con la mia famiglia per Santo Stefano. Guida competente e personale gentilissimo. Merita la visita!
Giorgia Giorgia da Cremona pubblicato il 30 novembre 2016 alle 11:55 am:
Bellissima!
Candida Candida da Recanati pubblicato il 24 maggio 2016 alle 12:16 pm:
Ho visitato la Reggia nel weekend di Pasqua in compagnia di alcuni amici. Gli ambienti sono molto belli specialmente la Sala del trono un vero gioiello neoclassico. Le prime sale sono state recentemente arredate con mobili della corte ducale. Molto bella anche la cappella di corte. Guida molto preparata, personale molo gentile. Bellissimi i giardini. Merita senz'altro la visita.
Ernestina Ernestina da Pistoia pubblicato il 21 maggio 2016 alle 10:06 pm:
Che bello!!!
Bea Bea da Brescia pubblicato il 24 aprile 2016 alle 12:09 pm:
La reggia di Colorno è molto bella, restaurata di recente. Consiglio di seguire la visita guidata. Il parco è bello e a fine aprile solitamente vi è la bellissima mostra di fiori, ma non solo, che offre una bella e rilassante passeggiata tra le meraviglie della natura.
Maria Cristina Maria Cristina da Farra di Soligo pubblicato il 8 marzo 2016 alle 12:00 am:
E' fondamentale visitare il palazzo accompagnati da una guida esperta, altrimenti le innumerevoli stanze visitabili non danno l'idea di quello che rappresentava la reggia per la storia del ducato. Un palazzo purtroppo abbandonato, a causa della mancanza d’interesse da parte delle autorità e di fondi per ridargli quel poco di splendore dovuto. Tutti gli arredi, quadri e arazzi sono stati portati a Quirinale o sottratti da chi sa quale ente. Nonostante ciò consiglio vivamente la visita soprattutto tra primavera - autunno per apprezzare lo splendido giardino "romantico" di Maria Luisa d'Austria.
Duettonero Duettonero da Como pubblicato il 6 marzo 2016 alle 12:00 am:
Consiglio la visita di questa Reggia abitata nel tempo dai Sanseverino, Farnese, Borbone e da Maria Luigia d'Austria e che conta più di 400 sale e spazi esterni. La vista esterna è splendida e l'affaccio sulla piazza di Colorno a mio modo di vedere fantastica. La visita è guidata, necessaria per capire nascita, sviluppo ed anche decadenza della reggia. Belli gli appartamenti del duca e della duchessa, la cappella di San Liborio e l'osservatorio astronomico. Purtroppo molti altri ambienti sono vuoti ed ospitano mostre d'arte temporanee.
Mario Mario da Milano pubblicato il 22 febbraio 2016 alle 5:52 pm:
Una magnifica reggia meno conosciuta ma sicuramente da visitare. Non è fastosa come wersail, ma molto bella. Ho scopero che i mobili ora sono ad adornare il Quirinale. Guida gentile e competente.
Federico Federico da Trento pubblicato il 28 gennaio 2016 alle 9:55 pm:
A parte la mancanza quasi totale degli arredi è veramente un bellissimo luogo. Conservato quasi perfettamente. Guide gentile e preparate. Chiese molto bella ma umida. Avrebbe bisogno di un intervento importante di restauro.
Aurora Aurora da Venezia pubblicato il 28 gennaio 2016 alle 9:53 pm:
Una grande dimora regale settecentesca nel nulla della bassa parmense notevole la vista dai giardini interni, ospita la scuola di eccellenza nella cucina Alma una realtà eccezionale da visitare!
Andrea Andrea da Roma pubblicato il 28 gennaio 2016 alle 9:52 pm:
Palazzo ben conservato e con belle sale da visitare.Belli anche i giardini che sono sicuramente più belli in primavera/estate.
Marisa Marisa da Perugia pubblicato il 20 dicembre 2015 alle 12:00 am:
Visitata il 19/12/15. Se un pomeriggio di un sabato di dicembre ti consente di avere il privilegio di una visita guidata quasi "ad personam" (eravamo in quattro) toglie qualcosa al giardino, brullo per il riposo invernale e intristito dalle vasche delle fontane asciutte. In realtà la reggia soffre di una sorta di vizio genetico: le sue trecento stanze e il giardino, originariamente ancor più grande di quanto non sia oggi, progettati nella loro veste attuale a metà del XVIII sec. per ricordare alla figlia di Luigi XV la corte di Versailles in cui era cresciuta, erano forse sin d' allora eccessivi per la piccola realtà del ducato. In effetti dopo un solo secolo con l' unità di un Italia in cui regge e palazzi abbondavano la piccola Colorno, nella bassa afosa d' estate e nebbiosa d' inverno, perse attrattiva, i suoi arredi furono dispersi in altre residenze e la proprietà ceduta alla provincia di Parma che non seppe trovarle altro destino che quello di manicomio. Se questo ha marchiato il maniera forse irrimediabile il monastero domenicano, spettrale e fatiscente convitato di pietra attiguo alla reggia, le ha però in qualche modo consentito di sopravvivere come alloggio del personale del manicomio stesso. Oggi la reggia cerca un futuro che in parte ha trovato ospitando la scuola internazionale di cucina, in parte passa dal tentativo anche di riarredarla con arredi se non suoi originali almeno d' epoca, attualmente in corso. Molto è stato fatto e molto è ancora da fare, anche per i danni del terremoto del 2012. Da vedere, come da vedere la attigua chiesa di San Liborio, non aperta al culto e accessibile soltanto con la visita guidata, che il tempo ha preservato dai saccheggi e che mostra arredi liturgici originali, sovrapponendo alla irresistibile vocazione barocca dell' architettura religiosa post contro - riformistica un rigore neoclassico spesso di notevole eleganza. P.S. Lascia perplessi che non si pensi a promuovere con un filmato informativo e coinvolgente. L' ho cercato su youtube e ho trovato solo una realizzazione molto volonterosa ma assai artigianale di un' appassionata. Oggi molti turisti, anche dall' estero, utilizzano questi canali. Non farsi trovare è un peccato mortale
Fiorenza Fiorenza da bologna pubblicato il 16 novembre 2015 alle 10:00 am:
Nella vostra visita di Parma e dintorni, aggiungete Colorno al vostro tour e non perdete l'opporturnità di visitare questo piccolo gioiello! All'interno non troverete l'arredamento originale, poichè la reggia ne ha passate tante, ma vi perderte nella bellezza di questo magico luogo. Complice una guida preparatissima e appassionata, e una visita privata aggiudicata per caso, abbiamo trascorso una piacevolissima ora alla scoperta della storia, dei personaggi e dei segreti della reggia di Colorno: un'esperienza consigliatissima. Perciò, visitate questo piccolo angolo di Versailles e godetevi questo viaggio nel tempo... non ve ne pentirete!